INTERVISTA ALL'AUTRICE ALESSANDRA MARCONATO

INTERVISTA ALL'AUTRICE ALESSANDRA MARCONATO


















Di nuovo benvenuti al nostro consueto appuntamento del giovedì. Oggi siamo in compagnia di Alessandra Marconato, autrice di La foresta delle illusioni e L'uccellino giallo.
L'intervista che vi presento oggi è un po' particolare. Come potrete vedere, nell'articolo abbiamo lasciato spazio a diversi video che vi daranno l'opportunità di conoscere Alessandra "dal vivo"; inoltre, la nostra protagonista di oggi non è solo autrice ma anche illustratrice delle sue opere.
   


Ciao Alessandra, benvenuta nel mio salotto. Raccontaci qualcosa di te.
Ciao Caterina, grazie per l’opportunità! Ho 40 anni, una laurea in Filosofia, sono il Direttore Responsabile della rivista 78PAGINE e sono Amministratore di Settantotto srl, una società che si occupa di coaching, formazione e narrazione … e scrivo …



Come ti sei avvicinata alla scrittura?
Non c’è un momento in cui mi sono avvicinata alla scrittura. Ricordo i lunghi anni in cui non ho scritto. Poi, nel febbraio del 2015, ho cominciato con “C’era una volta …” ed è nata “La foresta delle illusioni”, il libro che poi ho pubblicato nel 2017. Dopo un paio di mesi dalla pubblicazione del primo libro avevo terminato la stesura del secondo, “L’uccellino giallo” che ho pubblicato a settembre 2018.

Qual è il tuo genere preferito?
Non ho un genere preferito e non leggo di tutto. Posso dire che mi attraggono le storie delle persone, in cui traspare molto dell’autore.

Parliamo un po’ dei tuoi libri, delle tue opere. Come sono nate? Di cosa parlano? Quali sono i temi principali?
Mi piace la parole “opere”. Devi sapere che “La foresta delle illusioni”, prima di avere questo titolo, era “l’opera prima” e, poi, “L’uccellino giallo” è diventato “l’opera seconda”. Mi piace prendermi in giro … Non sono un’autrice dalle “sudate carte”. Ho iniziato a scrivere dopo tanti anni e la cosa mi fa stare bene. “La foresta delle illusioni” contiene una poesia che ho scritto a quindici anni e “L’uccellino giallo” un’altra che ho scritto quando ne avevo sedici. I miei due libri sono favole scritte per i “grandi”. Per me sono nate in questo modo … poi ho capito che il pubblico è un po’ diverso da quello che avevo immaginato. “La foresta delle illusioni” viene adottato come libro da leggere durante l’anno in alcune quinte elementari … Quando me l’hanno detto la prima volta non ci credevo! Sono, comunque, favole nate per un pubblico adulto, che ha desiderio di riflettere leggendo una storia.



Ho notato che nel tuo libro ci sono diverse illustrazioni interessanti. Potresti dirci qualcosa di più in merito?
Una volta terminata “La foresta delle illusioni” non sapevo veramente cosa farci … Ho chiesto di leggere il testo ad amici e colleghi dal “palato fine” … se dovevo ricevere una stroncatura questa doveva arrivare da persone che rispetto! Nessuna stroncatura, solo l’invito a pubblicare e velocemente. Allora mi sono data da fare per cercare un illustratore, perché “La foresta delle illusioni” doveva essere illustrata … questo è quello che ho sempre pensato: una favola per “grandi” con dei disegni. Non riuscivo, però, a trovare una “quadra” con i disegni. Ho chiesto a qualcuno di disegnare per me. Quello che vedevo non era quello che cercavo. Finché mio marito non mi ha ricordato che so disegnare … ho ripreso in mano i miei colori e, visto che c’ero, ho disegnato anche la copertina.

C’è un titolo di una delle tue opere che è particolarmente significativo per te?
Sinceramente no …

Da dove prendi ispirazione per scrivere?
Da storie vissute, da storie che mi sono state raccontate e da un po’ di fantasia.

Ogni scrittore inserisce inevitabilmente una parte di se stesso nelle sue opere. C’è un personaggio in particolare che senti più vicino di altri?
Nessun personaggio in particolare. Posso dire che sono presente nei miei libri e che mi nascondo bene …

Potresti raccontarci la tua esperienza con la casa editrice con la quale hai pubblicato?
Sono un’autrice indipendente per scelta. Non mi è mancata la proposta di pubblicazione. Ho deciso di non accettare. Ho fatto rientrare la mia pubblicazione all’interno di un marchio indipendente, PersoneDiParola, che mi permette di mantenere i diritti sull’opera. Ho fatto questa scelta, anche in considerazione della pubblicazione precedente di altri testi di cui sono co-autrice, con il “classico percorso” con casa editrice.

Hai partecipato a qualche evento per promuovere il tuo romanzo?
Partecipo a fiere, manifestazioni, ho fatto presentazioni e le sto facendo in questo periodo. Recentemente sono stata invitata a parlare dei miei libri al GRIBS (Gruppo di Ricerca delle Biblioteche Scolastiche) dell’Università di Padova. Ho partecipato a trasmissioni televisive e radiofoniche.

Hai qualche consiglio da dare a un aspirante scrittore alle prese con la sua prima opera?
Non mi piace dare consigli … ho capito, però, che la vita di un libro non finisce con la sua pubblicazione.

Dove possiamo trovare i tuoi libri?
Su Amazon, PersoneDiParola, all’interno del negozio di Settantotto srl (www.78srl.it/negozio ).




Ringraziamo Alessandra per essere stata con noi oggi. Per chiunque fosse interessato ad avere ulteriori informazioni sulle sue opere e sul suo lavoro, ecco qui tutti i suoi link:

Sito web Settantotto: https://78srl.it/ 
Instagram: marconatoalessandra

Commenti